Il food artigianale

Già nei primissimi anni 80 Paolo Bellavista ebbe l’intuizione che il settore del food artigianale, oggi anche detto “enogastronomia artigianale”, sarebbe emerso con forza in ambito consumer e sarebbe diventato sinergico anche nel campo editoriale dei magazine specializzati. L’importanza strategica del settore alimentare, la sua dimensione, il numero degli addetti, l’apporto al Pil regionale, le potenzialità inespresse, nonché l’importanza del ricco patrimonio culturale, di cui esso è tutt’oggi portatore e conservatore, furono gli elementi che portarono questo editore ad investire in nicchie ben mirate: quelle rigorosamente legate all’artigianalità.
Dagli anni 90 fino al 2006 il polo del food artigianale divenne il cuore pulsante della casa editrice alla pari della comunicazione. Paolo Bellavista ha saputo creare prodotti unici nel loro genere, ancora oggi leader di settore, e rivoluzionare il concetto delle riviste e dei libri professionali, facendoli rientrare in un vero e proprio progetto informativo e formativo per le categorie di artigiani professionisti e mai facendo mancare il suo personale impegno e supporto alle importanti iniziative di associazioni e federazioni di categoria.
A fine 2006 le riviste e altri prodotti del polo di enogastronomia artigianale sono confluiti in una nuova prestigiosa realtà editoriale, la Reed Business Information spa, e successivamente in DBinformation spa, che li hanno inseriti con successo in progetti multimediali di ampio respiro.