Anni 80-2000: oltre un ventennio di sfide imprenditoriali in più settori

Dopo l’esperienza in Spagna, nel 1982, fondò a Milano la casa editrice Finedit (poi divenuta Finedit Italia srl), in cui confluirono le riviste “Il Direttore Commerciale” con l’ ”Annuario delle Agenzie di comunicazione/marketing” e “Self Magazine”, con l’intento di esplorare altre nicchie di mercato, creando, negli anni a venire, dei veri e propri poli editoriali di riviste e prodotti editoriali per professionisti: il polo della comunicazione (con "Il Direttore Commerciale", poi divenuto ADV, e l'Annual); il polo dell’industria dell’attrezzo e moda sportivi (con "Il Giornale degli articoli e moda sportivi" e i relativi supplementi), il polo del tessile abbigliamento (con la testata "Panorama Moda Abbigliamento"), il polo del food artigianale (con le principali riviste "Il Gelatiere Italiano", il "Pasticcere Italiano", il "Panificatore Italiano", "La Grande Cucina & Wine").
Nel 1990, a seguito della scomparsa del padre, Paolo Bellavista prese e sviluppò ulteriormente sotto la sua ala anche il Premio "Targa Oro della Comunicazione Pubblicitaria". Parallelamente creò l’Associazione Fondazione Mario Bellavista, insieme ad alcuni esponenti del mondo della pubblicità, portando avanti e sviluppando il progetto culturale iniziato dalla figura paterna.
Furono anni di incessante creatività editoriale, ma anche di sfide imprenditoriali in altri settori, a riconferma di un eclettismo fuori dal comune.