Le riviste sulla fotografia

Nel 1903, sempre a Torino, iniziò la pubblicazione “La fotografia artistica” – Rivista Internazionale Illustrata” redatta in italiano e francese, che riportava articoli tecnici e belle fotografie dell’epoca e “Progresso Fotografico”, rivista giunta fino ai nostri giorni. Nel 1904 iniziò anche “Il corriere Fotografico”, trasferitosi a Torino nel 1923, con i direttori Carlo Baravalle, Achille Bologna e Stefano Bricarelli, che cessò le pubblicazioni negli anni 40.
Sempre in quegli anni venne pubblicato l’annuario del Gruppo A.L.A. di Torino di cui Mario Bellavista fu con Cesare Giulio, Carlo Matis e altri, il coordinatore. Promuoveva una nuova ideologia estetica con lo scopo “di raccogliere e coordinare in una sola grande famiglia le sparse forze degli amatori italiani della fotografia artistica”.
Nel 1935 vi furono, sempre a Torino, al di fuori dell'editoria specializzata, due avvenimenti importanti per la diffusione della cultura fotografica: l’istituzione di un Corso superiore di cultura fotografica presso la Società Fotografica Subalpina e quello della Scuola di Fotografia Fotomeccanica ed Ottica «Teofilo Rossi di Montelera».
Nel 1940 nasce il "Notiziario Fotografico", che diventa, sette anni dopo, la rivista "Ferrania", dall’ industria fotografica ligure che l’acquisì. Aveva sede a Milano e divenne ben presto un punto di riferimento per fotografi amatoriali e professionisti.